Stop overfishing – Caffè Tommaseo 16 – 24 settembre 2017

Con questa mostra personale di Marco Milcovich il WWF Trieste intende attirare l’attenzione sul sovra-sfruttamento dei nostri mari.

In mostra numerose sculture di pesci dalle forme armoniose, scolpite in materiali naturali e di recupero.

L’Adriatico è uno dei mri più pescosi del Mediterraneo. Il suo equilibrio dinamico ed ecologico, fatto di pesce-mangia-pesce, di fioriture algali, di migrazioni, di acque che si mescolano e altre che si compartimentano a concentrare specia ed individui, è stato alterato da una eccessiva pressione di una pesca che nelle sue modalità tradizionali ha rappresentato l’asse portante della nostra cultura, biglietto da visita della ristorazione rivieresca, ammortizzatore sociale delle classi meno abbienti.

Ora peschiamo più di quanto i mari riescano a produrre, più di quanto i pesci con la riproduzione riescano a generare. La General Fisheries Commission for the Mediterranean Sea proprio a Lubiana la scorsa primavera, ha fornito un quadro aggiornato della situazione: l’80% degli stock ittici del Mediterraneo sono minacciati dal cosiddetto overfishing. In Adriatico tra le specie valutate solo la triglia è pescata in maniera sostenibile nel basso Adriatico: Il resto degli stock è pescato in maniera eccessiva.

Le sculture sono esposte nel prestigioso Caffè Tommaseo dal 16 settembre fino al 24 settembre 2017.